Cosa Fa il Risk Manager?

Descrizione del Lavoro di Risk Manager

Cosa fa il Risk Manager

Il Risk Manager si occupa dell’analisi e della gestione dei rischi d’impresa. Identifica, anticipa e risolve le criticità che possono danneggiare un'azienda o un'organizzazione - dal punto di vista finanziario, operativo o della sicurezza - ed è responsabile dello sviluppo di strategie, processi e sistemi per la gestione e il monitoraggio dei rischi, a difesa della continuità aziendale.

Ma cosa fa esattamente il Risk Manager?

Come prima cosa il Risk Manager effettua varie indagini e raccoglie dati per individuare i rischi interni ed esterni a cui è esposta l'azienda e definire il profilo di rischio, sia a livello di attività che a livello finanziario. Analizza i principali indicatori di rischio (KRI) e valuta le conseguenze che potrebbero verificarsi se le minacce si concretizzassero, ipotizzando diversi scenari (what-if analysis). Ad esempio, un mancato guadagno, una perdita finanziaria, la violazione di informazioni riservate, danni ai beni dell'azienda (prodotti, infrastrutture...).

A partire dall'analisi dei rischi, il Risk Manager valuta le politiche e le procedure esistenti relative alla gestione del rischio per assicurare che siano in essere controlli appropriati in tutte le unità aziendali. Se riscontra criticità o punti deboli (vulnerability assessment), propone aggiornamenti e modifiche della risk policy aziendale o del sistema di enterprise risk management (ERM) adottato. Si occupa anche di predisporre sistemi di controllo e piani di intervento strategico al fine di impedire il verificarsi del rischio, mitigare il danno che provoca o trasferire il rischio a terze parti, per proteggere il valore aziendale.

A seconda delle diverse realtà lavorative, questi interventi si concretizzano in modi diversi: ad esempio nella creazione di piani di continuità operativa (business continuity plan) per far fronte alle interruzioni dell'attività, la definizione di processi di gestione delle crisi, l'istituzione di nuovi protocolli operativi e regolamenti, l'aggiornamento delle procedure agli ultimi standard in vigore, la stipula di coperture assicurative.

Esistono poi dei rischi intrinseci all'attività svolta, che non possono essere totalmente evitati: ad esempio i rischi legati alle attività sui mercati finanziari. In questi casi, il Risk Manager ha il compito di stabilire il livello di rischio che l'azienda è disposta ad accettare (il "risk appetite") e sviluppare strategie per mantenere l'esposizione al rischio sotto una certa soglia di sicurezza.

In quest'ottica, è molto importante il lavoro di documentazione: il Risk Manager infatti ha bisogno di dati (statistiche, studi di settore ecc.) sia per supportare la propria valutazione dei rischi a cui l'azienda può andare incontro, sia per produrre report periodici da presentare all'attenzione di responsabili e dirigenti.

Tra i compiti del Risk Manager c'è infatti anche il fornire consulenza e raccomandazioni al management aziendale sulle tematiche della gestione del rischio: ad esempio, può proporre lo sviluppo di infrastrutture tecnologiche più robuste per aumentare la cyber security, l'automazione dei controlli interni, o l'adattamento dei modelli di business per affrontare nuovi rischi emergenti.

Inoltre, deve individuare in modo proattivo i cambiamenti economici, sociali, legislativi che potrebbero avere un impatto sul profilo di rischio a livello operativo e strategico.

Competenze del Risk Manager

Ma non è tutto...

In alcuni casi, il Risk Manager può essere incaricato direttamente dell'implementazione dei piani di gestione del rischio presentati, con un ruolo simile a quello di un Project Manager: ovvero con un budget a disposizione e una scadenza fissata entro cui portare a termine con successo gli interventi previsti. Collabora con managers, responsabili e lavoratori di tutti i livelli per assicurarsi che le procedure introdotte vengano rispettate in ogni reparto e svolge attività formative e di training per educare il personale sulla risk policy aziendale e aumentare la consapevolezza sui rischi collegati alle attività svolte.

Conduce poi verifiche, "stress test" e audit per controllare l'efficacia dei processi di gestione del rischio e la conformità ai requisiti normativi, in un'ottica di continua revisione e miglioramento.

Quali aziende assumono i Risk Manager?

Il Risk Manager può lavorare per aziende e organizzazioni pubbliche e private di molti settori diversi: le offerte di lavoro per Risk Manager provengono soprattutto da banche e società di servizi finanziari, compagnie di assicurazioni, imprese di costruzioni e di ingegneria, società di informatica e telecomunicazioni, società di revisione esterna e agenzie di consulenza specializzate in risk management.

Il lavoro si svolge per lo più in ufficio, anche se in alcuni casi può essere necessario effettuare trasferte per verificare di persona determinati rischi connessi a particolari operazioni e luoghi di lavoro, per presentare i risultati delle analisi e valutazioni di rischio al management o agli investitori, o per incontrare i clienti a cui si fornisce consulenza.

Ricerche di lavoro simili: Credit Risk Manager

Scopri le nuove offerte di lavoro prima degli altri!
Inserisci la tua email ora e ricevi le ultime offerte per: Risk Manager
Potrai disattivare il servizio in qualunque momento

Compiti e Mansioni del Risk Manager

Compiti e mansioni del Risk Manager

I compiti e le responsabilità principali di un Risk Manager sono:

  • Analizzare il profilo di rischio aziendale
  • Presentare le valutazioni di rischio al senior management e ai dirigenti dell'azienda
  • Elaborare una strategia di risk management efficace
  • Monitorare i KPI relativi alla gestione del rischio
  • Revisionare regolarmente le risk policy interne e adeguarle alle nuove normative
  • Contribuire attivamente all'implementazione dei piani di gestione dei rischi, coinvolgendo tutto il personale interessato
  • Formare il personale sui protocolli di gestione dei rischi e migliorare la consapevolezza del rischio in tutta l'azienda
  • Progettare sistemi di controllo per mantenere il livello di rischio entro limiti definiti
  • Stendere report periodici per la direzione e fornire consulenza

Come Diventare Risk Manager? Formazione e Requisiti

Come diventare Risk Manager

Per diventare Risk Manager solitamente è richiesto un diploma di laurea in Scienze Statistiche, Economia e Finanza, Matematica, Informatica o altre materie scientifiche. Oltre alla formazione teorica su tematiche multidisciplinari quali data analytics, corporate governance, risk management, internal audit, regulatory compliance, security, quality assurance, e alla conoscenza di modelli per la valutazione dei rischi, per accedere al ruolo è richiesta soprattutto un'esperienza rilevante nella gestione del rischio, ad esempio in contesti assicurativi, finanziari o in società di revisione e consulenza.

Per la gestione dei rischi di aree specifiche (ad esempio in ambito informatico o ingegneristico) ai candidati può invece essere richiesta una formazione particolare e competenze tecniche approfondite, anche per quanto riguarda l'aspetto normativo e gli standard nazionali e internazionali sulla gestione del rischio. Costituiscono titolo preferenziale attestati o certificazioni in risk management.

Le Competenze di un Risk Manager

Le qualità e competenze principali di un Risk Manager sono:

  • Conoscenza dei modelli per la valutazione dei rischi (risk assessment)
  • Competenza nelle procedure di auditing e reporting
  • Conoscenza di strumenti attuariali e statistici
  • Know-how nell'implementazione dei processi di controllo e test
  • Padronanza degli strumenti di office automation
  • Ottime capacità di comunicazione verbale e scritta
  • Capacità di costruire relazioni con i principali stakeholders
  • Doti analitiche
  • Attenzione al dettaglio
  • Doti organizzative e di gestione del tempo
  • Capacità di lavorare sia in modo indipendente che in squadra
  • Proattività

Sbocchi Lavorativi e Carriera del Risk Manager

Carriera del Risk Manager

Uno dei modi per iniziare la carriera di Risk Manager è partire dalle posizioni di Junior Controller o Junior Risk Manager e acquisire esperienza in auditing, analisi finanziaria, compliance management e risk management, ad esempio in ambito finanziario o assicurativo. Dopo un'esperienza di alcuni anni, si può accedere alla posizione di Risk Manager e crescere fino a diventare Senior Risk Manager e poi Chief Risk Officer dell'azienda.

Un'altra prospettiva di carriera è intraprendere la libera professione e lavorare come consulente, in modo autonomo o associandosi ad altri professionisti, e collaborare con imprese e organizzazioni di vario tipo per garantire che i rischi siano identificati, valutati e monitorati adeguatamente.

Inoltre, è possibile specializzarsi nella gestione di uno specifico tipo di rischio. Ad esempio, in banche, assicurazioni e altre altre società che offrono servizi finanziari è molto richiesta la figura del Credit Risk Analyst / Credit Risk Manager, un professionista esperto in credit risk management, nella valutazione dei rischi di liquidità e finanziari, in market risk controlling.

Un'altra figura molto ricercata è l'IT Risk Manager, specializzato in: gestione dei rischi informatici e della sicurezza delle informazioni (information risk management), protezione dell'infrastruttura IT, privacy & IT compliance, governo dei sistemi informativi e gestione della continuità operativa (BCM).

Esistono però molte altre nicchie di specializzazione: ad esempio in enterprise risk management, operational risk management / OpRisk controlling, technology risk management, security risk management, commodity risk management.

Buoni Motivi per Lavorare Come Risk Manager

Lavorare come Risk Manager è un ruolo molto importante, in prima linea per permettere all'azienda di identificare, valutare, monitorare e gestire i rischi. È una professione indicata per le persone con spiccate capacità decisionali e di problem solving, e la capacità di stabilire relazioni di lavoro positive a tutti i livelli. Il Risk Manager infatti lavora in collaborazione con tutte le aree di business per garantire un approccio coerente e integrato alla governance dei rischi, e per aumentare la consapevolezza del personale su questa tematica.

Si tratta di un lavoro di responsabilità, con una retribuzione interessante. Inoltre, grazie ad un ormai diffuso riconoscimento dell'importanza strategica del risk management, le aziende sono sempre più alla ricerca di esperti qualificati in risk advisory per garantire la continuità aziendale e per far fronte al numero crescente di potenziali minacce che derivano dalla globalizzazione, dalla digitalizzazione dei processi aziendali, dall'aumento delle richieste normative.