Il Cablatore: Cosa Fa? (Lavoro e Mansioni)

Scopri le offerte di lavoro per Cablatore

Descrizione del Lavoro di Cablatore Elettrico

Cosa fa il Cablatore

Il cablatore elettrico è l'addetto ad eseguire il cablaggio elettrico. Il cablaggio è l'insieme dei collegamenti (cavi, fili conduttori, connettori...) che permettono l'interconnessione dei componenti di un apparecchio o di un impianto alla rete elettrica - oppure alla rete telefonica e informatica, in questo caso però si parla di cablaggio reti.

Il cablatore elettrico è un tecnico specializzato nel campo dell'elettrotecnica, ed è competente in tutti gli aspetti che riguardano il complesso di cavi e parti elettriche (alimentatori, motori, elettromagneti, sensori) che collegano impianti e apparecchiature elettrici ad alta o bassa tensione, in ambito sia civile che industriale.

Ma cosa fa esattamente il cablatore?

Il cablatore lavora principalmente su quadri elettrici e si occupa di cablarli, cioè collegare i fili, secondo uno schema elettrico definito: realizza le canalizzazioni portacavi preliminari, posiziona i componenti, identifica i terminali e allaccia cavi, interruttori, morsetti secondo le specifiche tecniche riportate nel disegno elettrico. Si occupa anche della messa a terra, per proteggere persone e impianti da tensioni elettriche impreviste. Il cablatore poi collauda i sistemi interconnessi, per verificarne l'effettivo funzionamento (collaudo funzionale), e si occupa di manutenzione preventiva.

Sa usare tutti gli strumenti utili per queste operazioni, come cacciaviti cercafase, tester, temporizzatori e sensori, saldatori, nastro isolante ecc.

Competenze del Cablatore

I quadri elettrici da cablare possono essere piccoli e semplici (ad esempio quando si tratta di centraline domestiche), oppure molto grossi, come i quadri di centrali termiche o i quadri elettrici industriali. In questo secondo caso, la figura addetta è il cablatore industriale, esperto del cablaggio bordo macchina, cioè del cablaggio di tutte le componenti elettriche che servono per far funzionare una macchina all'interno di una linea produttiva. Si occupa di realizzare quadri elettrici e quadri di comando per l'automazione industriale, e di offrire assistenza durante la messa in servizio degli impianti realizzati.

In caso di malfunzionamento dei circuiti, il cablatore interviene ad eseguire una diagnostica del sistema elettrico per individuare il passaggio in cui è collocato il guasto, e sostituisce gli elementi danneggiati. Particolarmente rilevante in queste operazioni è la velocità di analisi e soluzione del problema, per permettere il ripristino della piena operatività nel minor tempo possibile.

Di regola un cablatore lavora come dipendente in aziende di installazione e manutenzione di impianti elettrici, insieme ad altri professionisti come elettricisti, impiantisti e quadristi, oppure direttamente presso imprese produttive, che prevedono una squadra interna di cablatori elettrici, installatori e manutentori. Ancora, può svolgere le sue mansioni come lavoratore autonomo o come titolare di una attività professionale in proprio.

Il luogo di lavoro dipende dal collocamento degli impianti (interni all'azienda oppure presso i clienti), quindi le trasferte possono essere all'ordine del giorno. Gli orari di lavoro variano da un full time con eventuali straordinari, al lavoro su turni (anche notturni), nel caso in cui il cablatore sia addetto alla manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti elettrici.

Scopri le nuove offerte di lavoro prima degli altri!
Inserisci la tua email ora e ricevi le ultime offerte per: Cablatore
Potrai disattivare il servizio in qualunque momento

Compiti e Mansioni del Cablatore

Compiti e mansioni del Cablatore

Le principali mansioni del cablatore sono:

  • Realizzazione di quadri elettrici - cablaggio di cavi e connessioni elettriche in abitazioni, aziende, cantieri
  • Collaudo e verifica dell'effettivo funzionamento dei sistemi installati
  • Manutenzione preventiva e manutenzione straordinaria dei sistemi elettrici cablati
  • Diagnostica guasti agli impianti
  • Riparazione di guasti ai cavi e ai componenti elettrici
  • Cablaggio bordo macchina in ambito industriale

Come Diventare Cablatore Elettrico?

Come diventare Cablatore

La formazione richiesta per diventare cablatore è di tipo tecnico: ad esempio un diploma di perito ad indirizzo elettronico o elettrotecnico. Esistono anche corsi per elettricisti e cablatori, che consentono di acquisire le competenze di base nel cablaggio dei quadri.

In generale, è utile che la formazione teorica in elettrotecnica, cablaggio, schemi elettrici, siglatura cavi, norme per la realizzazione di un quadro di comando, dimensionamento dei circuiti elettrici di potenza, tecniche di automazione PLC, strumenti di misura e sicurezza elettrica sia affiancata da una formazione pratica, in cui realizzare concretamente quadri elettrici e fare collaudo funzionale.

Ai cablatori possono venire richieste anche competenze informatiche: ad esempio per l'utilizzo di software per disegnare schemi elettrici e diagrammi di cablaggio, o software di diagnostica remota per il monitoraggio degli impianti elettrici.

Inoltre, per lavorare nel settore del cablaggio degli impianti elettrici e dei quadri bordo macchina è fondamentale conoscere i rischi elettrici e rispettare le norme relative alla sicurezza.

Competenze di un Cablatore

Le offerte di lavoro per cablatore richiedono spesso queste competenze:

  • Competenza nel montaggio e cablaggio di quadri elettrici, per impianti civili o di automazione industriale
  • Capacità di lettura di schemi e rappresentazioni dei circuiti in un quadro elettrico
  • Capacità di cablaggio a bordo macchina di quadri elettrici
  • Conoscenza degli strumenti e utensili da lavoro
  • Capacità di lavorare in autonomia
  • Abilità di analisi e problem solving
  • Precisione e attenzione ai dettagli
  • Buona manualità

Prospettive di Carriera del Cablatore Elettrico

Carriera del Cablatore

La carriera di un cablatore può iniziare nella posizione di cablatore elettrico junior: le mansioni riguardano il cablaggio di quadri elettrici, il collaudo e l'installazione della componente elettrica, collaborando con un team di operatori. Una volta diventato cablatore esperto, la carriera può svilupparsi in varie direzioni: ad esempio come cablatore elettrico per impianti civili, oppure come cablatore bordo macchina, specializzato nell'installazione di macchinari industriali automatizzati.

Con una opportuna formazione professionale, il cablatore può anche diventare progettista elettrotecnico, e occuparsi quindi della progettazione strutturale ed elettrica dei quadri di bassa tensione o dei quadri elettrici di automazione industriale a bordo macchina. In alternativa, un cablatore elettrico può decidere di approfondire le sue competenze nel controllo qualità dei cablaggi elettrici - e occuparsi dell'individuazione dei cablaggi non idonei, di effettuare saldature e legature, sostituire terminali e componenti ecc. - oppure nella manutenzione, diventando un manutentore elettrico. In questo caso può fare carriera fino a diventare responsabile della manutenzione.

Buoni Motivi per Lavorare Come Cablatore

Il lavoro del cablatore è dinamico e stimolante: permette di lavorare a tanti quadri elettrici diversi, e ogni malfunzionamento è una sfida che il professionista deve superare con competenza e tempestività. Permette inoltre di affinare le proprie conoscenze tecniche in ambito elettrico, utili per tante applicazioni diverse. La specializzazione nel cablaggio elettrico per l'automazione, inoltre, permette di acquisire competenze molto qualificate in assemblaggio e cablaggio di quadri elettrici industriali, che sono molto richieste nelle offerte di lavoro per cablatore.